Installare OS X 10.10 Yosemite – nel modo giusto

OS X Yosemite si presenta come un innocuo software update all’interno dell’App Store, ma meglio non cascarci!

Innanzitutto, ho smesso di fidarmi dei rilasci “versione x.0” di Apple: da tempi meno recenti quando i file copiati su dischi di rete sparivano in OS X 10.6 a iOS 8.0 sembra che, nonostante gli anni passino, il vizio di Apple di trattare gli “early adopter” come “beta tester” rimane.

Va detto che però non sempre si può aspettare i 2/3 mesi che servono per preparare il primo “Combo update” (che di solito esce verso la seconda metà di Novembre)… e poi la tentazione di provare un giocattolo nuovo (e gratuito) è troppo forte, no?  Allora cerchiamo almeno di farlo nel modo “giusto” (Cioè senza lanciare l’aggiornamento dall’App Store, ma scaricandolo e installandolo da una pendrive USB).

Prima di cominciare

  • Dotarsi di una pendrive da almeno 8GB di capienza, e assicuratevi che non ci sia salvato sopra nulla che vi interessa conservare.
  • Scaricare (ma non installate) l’aggiornamento a Yosemite. Dovreste trovare il file “Install OS X” nella vostra cartella “Applicazioni”.
  • Assicurarsi di essere amministratori del Mac che state usando (se è il vostro Mac e siete gli unici che lo usate, state tranquilli: lo siete certamente).
  • Eseguite questa procedura da un Mac con installato almeno Snow Leopard 10.6.
  • Fate un backup! Con hard disk esterni USB ai prezzi di oggi, non ci sono scuse per non avere un backup di Time Machine.

Cominciamo

  • Scaricate DiskMaker X a questo indirizzo e copiatelo nella cartella Applicazioni.
  • Inserite la pendrive nel Mac
  • Eseguite DiskMaker X, selezionate “Yosemite” e seguite la procedura passo dopo passo.
  • Portate pazienza (circa un’oretta al massimo) e non spaventatevi se si aprono/chiudono finestre del Finder in modo automatico: Diskmaker X “automatizza” una serie di passaggi che dovremmo fare manualmente.  Al termine avrete una pendrive con l’installer di OS X Yosemite.

Diskmaker X

 

DiskMaker X Working

 

diskmaker x finished

 

L’aggiornamento vero e proprio

Si tratta ora di eseguire l’update vero e proprio:

  • Trovate un momento in cui avete la possibilità di lasciare il Mac a lavorare per un po’ di tempo (ad esempio prima di andare a dormire)
  • Con la pendrive inserita, spegnete il Mac (o riavviatelo)
  • Mentre premete il tasto di accensione, tenete premuto il tasto “ALT” sulla tastiera, a lungo, finchè non compare un menu dove potete scegliere quale sistema avviare.
  • (Opzionale: Aprite Disk Utility ed effettuate un giro di “Ripara Disco”. Al termine, chiudete Utilità Disco e riprendete al punto successivo di questo elenco)
  • Selezionate “Install OS X”
  • Selezionate la lingua che volete usare
  • Dal menu che si presenta, scegliere l’opzione “Installa OS X”
  • Seguite la procedura. I dati verranno mantenuti e il sistema verrà aggiornato.

 

Install OS X

 

Problemi che si potrebbero presentare

  • Se l’aggiornamento è fermo da parecchio tempo sulla schermata “Mancano circa X minuti”… aspettate! Può darsi che ci vogliano anche delle ore (anche 8 o più) ma prima o poi finirà! Se volete evitare l’attesa, seguite questa guida

 

 

Annunci

Getting MAMP working with SSL on OS X ~ Webopius – Web design | Project Management | SEO | Graphic Design | E-Commerce | Content Management

Getting MAMP working with SSL on OS X ~ Webopius – Web design | Project Management | SEO | Graphic Design | E-Commerce | Content Management.

Questo articolo è utile per impostare SSL con certificato (self-signed) su MAMP per Mac OS X.

L’unico appunto che richiede è (nel mio caso) la necessità di modificare la porta SSL da 443 a un’altra (io ho usato 8890) per fare avviare il server Apache.

MacFuse e NTFS-3G per OS X Lion 10.7

Ho aggiornato un mio vecchio articolo scritto per Snow Leopard a 64-bit con alcune informazioni che riguardano anche Lion.

Ne approfitto per riassumerle:

  • Per installare MacFUSE su Lion, esiste una versione ricompilata da Tuxera (gratuita) che contiene anche il Pannello Preferenze a 64bit e la si trova a questo indirizzo. Io, però, di recente (Dicembre 2011) preferisco usare al posto di MacFuse, il seguente software, che svolge le medesime funzioni: OSXFuse. Anche questo è gratuito (e open source).
  • Per installare NTFS-3G da pacchetto di installazione, il più recente (ad oggi 09-01-2012) è quello della versione 2010.10, che funziona correttamente ma che mostra un errore di timeout quando si collegano dischi formattati NTFS. I file vengono comunque letti e scritti correttamente.
    • È disponibile una versione di NTFS-3G rilasciata nel corso del 2011, di cui è scaricabile il codice sorgente alla pagina Community di Tuxera.
Ricordo le procedure di installazione:
  1. Scaricare e installare MacFuse (o, meglio, OSXFuse) dal link indicato sopra
  2. Scaricare e installare NTFS-3G dal link indicato sopra (pacchetto di installazione)
  3. Dopo avere installato i 2 programmi e avere riavviato il Mac, siete a posto. In Lion però, compare un errore di Timeout quando si connettono hard disk formattati in NTFS, tuttavia la lettura/scrittura avviene correttamente.

Per risolvere il problema del timeout, bisogna provare ad utilizzare la versione 2011.4 di NTFS-3G, di cui però non è previsto pacchetto di installazione. Quindi è indispensabile utilizzare MacPorts o Fink. (Per approfondire la loro conoscenza, fate un giro sulla Wiki. Vi basti sapere che sono “2 gestori di installazione” di applicazioni open source per Mac OS X).

La versione 2011.4 di NTFS-3G è installabile da MacPorts (che, personalmente, preferisco rispetto a Fink). In quel caso, già che ci siete, installate anche fuse4x al posto di MacFUSE. Per farlo, disinstallate MacFUSE e NTFS-3G che avete attualmente sul sistema (se li avete installati), installate MacPorts e procedete all’installazione di fuse4x e NTFS-3G con il seguente comando da Terminale:
sudo port install fuse4x ntfs-3g
Date le mie poche necessità di usare dischi NTFS sto aspettando un pacchetto di installazione, quindi prendete il setup tramite MacPorts solo come un suggerimento “non testato”.
Per chi avesse tempo, una lettura per avere una panoramica sulla situazione è la seguente: http://fernandoff.posterous.com/ntfs-write-support-on-osx-lion-with-ntfs-3g-f. (In Inglese)

Installare Lion in VmWare Fusion

Tutorial davvero ben fatto: obviouslogic : solutions (Valido anche per la DP4).

E una volta che avete effettuato l’installazione vi può tornare utile: Virtualize Mac OS X Client on VMware Fusion (Infatti, VmWare Fusion mostrerà l’errore informandovi che non è un Mac OS X Server, e dovrete effettuare le operazioni indicate nella guida).

Per fare il mount del file .vmdk, appurato che siete su Mac OS X con Fusion installato, fate click destro e apritelo con VMDKMounter.app

In generale, comunque, anche per tempi futuri, può essere utile masterizzare/scrivere l’immagine di installazione di Lion su un DVD o su una pendrive USB: Creating a bootable OS X 10.7 Lion disc (Update: …and USB stick)

Jumpcut: come stare senza?

Jumpcut è una semplicissima ma utilissima applicazione che vi permette di gestire clipboard (appunti) multiple nel copia-incolla per Mac OS X.

È gratuita (non solo, è anche Open Source), si colloca nella Menu Bar di Mac OS X e vi permette di accedere agli ultimi n testi che avete copiato per incollarli, anche con vari shortcut da tastiera. L’ultima versione è del 2009, ma non è un software che necessiti di particolari aggiornamenti, una volta che funziona 😉

Vogliamo trovarci un difetto? Non supporta contenuti diversi da quelli testuali (ad esempio, immagini o files) ma per l’uso che serve a me è più che perfetta. Come posso stare senza?

iWork Numbers: headers come referenze cella in una formula

Se iWork Numbers 09 inizia ad aggiungervi gli headers di riga/colonna come referenze di una formula (invece del numero di Riga/colonna che identificano una cella) e conseguente “sballamento” delle formule, la soluzione è quella di aprire le impostazioni e disabilitare l’opzione (in inglese) “Use header names as reference” che è tradotta in italiano come “Utilizza nomi cella intestazione come riferimenti”.

http://docs.info.apple.com/article.html?path=Numbers/1.0/it/c5la14.html