Come risolvere problemi con Citrix Receiver su Mac e caratteri speciali

Il mio Citrix Receiver su Mac aveva problemi con i caratteri speciali, ad esempio { } [ ] ” | \, etc.

Questo articolo contiene la soluzione al problema.

Andate in

~/Library/Application Support/Citrix Receiver

Aprite il file Config  (non ha estensione)

Modificate alla riga

KeyboardLayout=(Default)

inserendo la tastiera corrispondente a quella del vostro Mac. Nel mio caso  ho risolto usando:

KeyboardLayout=US-International

Di seguito il contenuto del mio file Config:

[WFClient]
ClientUSB=On
ClientDrive=On
ClientPrinter=On
ClientAudio=On
SpeedScreenMMA=On
UserExperience=On
Vd3d=On
ISVersion=1210
BrowserProtocol=HTTPonTCP
BrowserTimeout=1500
DisableSound=False
DisableClientAutoQuit=False
MaximumCompression=On
KeyboardTimer=0
MouseTimer=0
MouseDoubleClickTimer=0
KeyboardLayout=US-International
KeyboardType=(Default)
UseKotoeriShortcuts=False

LastTabSelected=General
[Thinwire3.0]
DesiredColor=4
DesiredVRES=768
DesiredHRES=1024
PersistentCacheEnabled=Off

Come ridurre lo spazio di un disco virtuale Linux/OSX in VMware Fusion

Avrete notato che, mentre i dischi delle VM Windows sono facili da “rimpicciolire”, le VM Linux e OS X non mostrano mai spazio che può essere recuperato.

I comandi da eseguire per Linux (Ubuntu):

1) nella VM Ubuntu:

 sudo apt-get autoclean

2) nella VM Ubuntu:

 sudo cat /dev/zero > zero;sync;sleep 1;sudo rm zero
 (Ignorate l'errore di spazio esaurito alla fine)

3) Spegnete la VM Ubuntu e passate a Mac. In Terminal su Mac eseguite questi 3 comandi separati

 cd '/Applications/VMware Fusion.app/Contents/Library'
 ./vmware-vdiskmanager -d path_to_your/disc.vmdk
 ./vmware-vdiskmanager -k path_to_your/disc.vmdk

Fonte: [Link]

Testato su Yosmite 10.5.5 con VM Ubuntu e VMware Fusion 7.1.2

Riparare i permessi sulla cartella Home dell’utente

Oggi mi sono accorto che uno dei miei due utenti sul mio Mac ha la possibilità di “sbirciare” nei file dell’altro se l’accesso avviene attraverso una ricerca Spotlight, mentre non si ha accesso usando Finder.

Forse questa la soluzione?

How to fix home folder permissions in OS X | MacIssues.

 

P.S. volendo basterebbe impostare la Privacy di Spotlight di non indicizzare la cartella dell’altro utente ma… mi sembra una soluzione un po’ troppo poco professionale. 😉

Installare OS X 10.10 Yosemite – nel modo giusto

OS X Yosemite si presenta come un innocuo software update all’interno dell’App Store, ma meglio non cascarci!

Innanzitutto, ho smesso di fidarmi dei rilasci “versione x.0” di Apple: da tempi meno recenti quando i file copiati su dischi di rete sparivano in OS X 10.6 a iOS 8.0 sembra che, nonostante gli anni passino, il vizio di Apple di trattare gli “early adopter” come “beta tester” rimane.

Va detto che però non sempre si può aspettare i 2/3 mesi che servono per preparare il primo “Combo update” (che di solito esce verso la seconda metà di Novembre)… e poi la tentazione di provare un giocattolo nuovo (e gratuito) è troppo forte, no?  Allora cerchiamo almeno di farlo nel modo “giusto” (Cioè senza lanciare l’aggiornamento dall’App Store, ma scaricandolo e installandolo da una pendrive USB).

Prima di cominciare

  • Dotarsi di una pendrive da almeno 8GB di capienza, e assicuratevi che non ci sia salvato sopra nulla che vi interessa conservare.
  • Scaricare (ma non installate) l’aggiornamento a Yosemite. Dovreste trovare il file “Install OS X” nella vostra cartella “Applicazioni”.
  • Assicurarsi di essere amministratori del Mac che state usando (se è il vostro Mac e siete gli unici che lo usate, state tranquilli: lo siete certamente).
  • Eseguite questa procedura da un Mac con installato almeno Snow Leopard 10.6.
  • Fate un backup! Con hard disk esterni USB ai prezzi di oggi, non ci sono scuse per non avere un backup di Time Machine.

Cominciamo

  • Scaricate DiskMaker X a questo indirizzo e copiatelo nella cartella Applicazioni.
  • Inserite la pendrive nel Mac
  • Eseguite DiskMaker X, selezionate “Yosemite” e seguite la procedura passo dopo passo.
  • Portate pazienza (circa un’oretta al massimo) e non spaventatevi se si aprono/chiudono finestre del Finder in modo automatico: Diskmaker X “automatizza” una serie di passaggi che dovremmo fare manualmente.  Al termine avrete una pendrive con l’installer di OS X Yosemite.

Diskmaker X

 

DiskMaker X Working

 

diskmaker x finished

 

L’aggiornamento vero e proprio

Si tratta ora di eseguire l’update vero e proprio:

  • Trovate un momento in cui avete la possibilità di lasciare il Mac a lavorare per un po’ di tempo (ad esempio prima di andare a dormire)
  • Con la pendrive inserita, spegnete il Mac (o riavviatelo)
  • Mentre premete il tasto di accensione, tenete premuto il tasto “ALT” sulla tastiera, a lungo, finchè non compare un menu dove potete scegliere quale sistema avviare.
  • (Opzionale: Aprite Disk Utility ed effettuate un giro di “Ripara Disco”. Al termine, chiudete Utilità Disco e riprendete al punto successivo di questo elenco)
  • Selezionate “Install OS X”
  • Selezionate la lingua che volete usare
  • Dal menu che si presenta, scegliere l’opzione “Installa OS X”
  • Seguite la procedura. I dati verranno mantenuti e il sistema verrà aggiornato.

 

Install OS X

 

Problemi che si potrebbero presentare

  • Se l’aggiornamento è fermo da parecchio tempo sulla schermata “Mancano circa X minuti”… aspettate! Può darsi che ci vogliano anche delle ore (anche 8 o più) ma prima o poi finirà! Se volete evitare l’attesa, seguite questa guida